Dormite, sognate! Sarete più creativi, la storia non mente

Dormite, sognate! Sarete più creativi, la storia non mente

Paul McCartney, Keith Richards, Stephen King: sono solo alcune delle grandi personalità che hanno sfruttato a loro vantaggio la forza creativa del sogno

Sognare, che meraviglia. Sto parlando proprio dei sogni che facciamo durante il sonno, oggi molto più fragile nella compulsione del presente continuato, di un’attività onirica che ha molti segni positivi. Per la nostra salute, per l’equilibrio del corpo, e perfino per la nostra creatività. Un lavoro prezioso, che dovremmo tutti imparare a non sprecare.

Mediamente, nel corso della sua vita, un uomo dorme qualcosa come 230mila ore, pari a 26 anni. Di questi ben 6 sono anni di sogni. Immaginate un bambino, pronto per andare a scuola, e ricostruite la sua vita dal momento del primo vagito: quello è il pezzo della nostra esistenza racchiuso nell’energia dei sogni.

Gli scienziati, avanzando negli studi del cervello, stanno dando sempre più valore alla funzione dei sogni per l’assetto psico-fisico dell’uomo. È grazie ai sogni che il motore cerebrale non si spegne, e il cervello poi fa meno fatica a tornare in attività. I muscoli sono paralizzati, ma il cervello veglia. Sono i sogni che ci aiutano a fare pulizia nella nostra testa ingolfata di pensieri accumulati spesso in modo disordinato e compulsivo. È l’attività onirica che consente la vera igiene dell’intero apparato cerebrale.

Ma se andiamo oltre gli aspetti legati alla medicina, allora scopriamo che i sogni espandono, e talvolta illuminanosoluzioni che durante la veglia non siamo in grado neanche di approcciare. Il sogno ci porta a capire meglio noi stessi, e quasi prendendoci per mano ci accompagna verso l’eden della creatività. I casi più eclatanti sono infiniti. Paul McCarteney (Beatles) ha sognato musica e testo di Yesterday, prima che diventasse una delle canzoni più celebrate nella storia della musica; Keith Richards (Rolling Stones) non è stato da meno, e grazie a un sogno ha composto l’immortale Satisfaction. Anche il popolarissimo scrittore Stephen King deve il suo successo a un sogno: durante una notte trascorsa in aereo, ha creato la trama di Misery, best seller narrativo e poi film di grande successo.

Sorgente: Dormite, sognate! Sarete più creativi, la storia non mente – Linkiesta.it

Related Post

Related posts

Leave a Comment

2 × quattro =

*