I dipendenti non scappano dalle aziende ma dai capi incapaci

I dipendenti non scappano dalle aziende ma dai capi incapaci

Non ci sono solo stipendi e tipologie contrattuali scadenti a far fuggire i dipendenti dalle aziende alla prima occasione. C’entra molto lo stile manageriale: se non si sentono rispettate e gratificate, le persone prima o poi se ne vanno

Se appartenete alla generazione di persone tra 25 e 45 anni, vi sarà capitato di parlare con gente che – sì, succede – lascia contratti a tempo indeterminato e lavori in cui ha investito tempo ed energie. Ma i motivi spesso non sono quelli più “conoslavorociuti” ossia: stipendio migliore, maggiore responsabilità, voglia di mettersi alla prova in altro o lavorare vicino a casa. In mezzo a questi, per la generazione cresciuta a pane e “posto fisso non ce n’è più”, uno dei motivi più frequenti e meno ammessi, soprattutto dai capi, è che le persone valide spesso lasciano i manager e non l’azienda.

Che differenza c’è?, vi chiederete. C’è, eccome. Perché se è vero che le aziende sono fatte da persone, è anche vero che le aziende sono gestite da manager e non tutti gestiscono i lavoratori allo stesso modo. Ecco perché può capitare – più spesso di quanto si immagini – che si venga spostati da un’area all’altra e tutto cambi: la gestione delle riunioni, degli straordinari, delle consegne, delle e-mail. Il lavoro continua a piacere, lo stipendio va anche bene, si crede in quello che si fa eppure l’organizzazione non è quella di prima. O magari i manager si sono avvicendati e le premesse e promesse iniziali non ci sono più.

In un mondo del lavoro dominato da un Jobs Act che non dà i risultati sperati, c’è una cosa che accomuna tanti: non è solo l’azienda a scegliere il lavoratore, ma anche il lavoratore a scegliere l’azienda e i capi. Ma quali sono gli errori che fanno? Stando quello che scrive Travis Dredberry sull’Huffinghton Post, sono nove: troppo lavoro, mancato riconoscimento dell’apporto dato dal dipendente, non preoccuparsi dei dipendenti, assumere e promuovere persone non adatte, non lasciare che le persone seguano le loro passioni, non stimolare le loro abilità né la creatività e non stimolarli dal punto di vista intellettuale. Tutto questo fa sì che persone brave e competenti, prima o poi, se ne vadano.

Sorgente: I dipendenti non scappano dalle aziende ma dai capi incapaci – Linkiesta.it

Related Post

Related posts

Leave a Comment

2 × 1 =

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.