La sinestesia può essere appresa o indotta?

La sinestesia può essere appresa o indotta?

Alla scoperta del fenomeno percettivo che mischia le carte delle risposte sensoriali restituendo un quadro coloratissimo e particolarmente vivido della realtà: in che cosa consiste la sinestesia? La si può indurre, o imparare?

di ELISABETTA INTINI

Alcune persone associano le lettere dell’alfabeto a colori precisi, i giorni della settimana a particolari forme geometriche, le parole scritte su un libro a uno specifico odore o sapore. Questo “superpotere” è un fenomeno percettivo noto come sinestesia e consiste nella fusione, in un’unica sfera sensoriale, delle percezioni di sensi distinti o – in termini più scientifici – nel sincronismo funzionale di due organi di senso o due facoltà cognitive. Interessa una ristretta fascia di popolazione (dallo 0,05% al 4%) ed è uno dei campi più misteriosi e appassionanti della ricerca neuroscientifica.

Un sinesteta può “vedere” il calendario dell’anno sotto forma di mappa tridimensionale; immaginare l’età delle persone come una curva matematica; emozionarsi fino alle lacrime sfiorando una superficie con la mano. Queste “interferenze percettive” tra un senso e l’altro sono spesso associate a eccellenti doti mnemoniche e spiccate abilità creative: la sinestesia è 7 volte più frequente in artisti, letterati e poeti, che hanno trovato il modo di condividere la bellezza sensoriale di cui sono partecipi.

LE CAUSE. Sulle basi fisiologiche di questo fenomeno si sta ancora indagando: le teorie più accreditate lo attribuiscono a cambiamenti nelle connessioni tra aree cerebrali. All’origine di queste esperienze potrebbe esserci la presenza di connessioni ridondanti, non eliminate durante il normale processo di “sfoltimento” delle sinapsi meno utilizzate che avviene con la crescita cerebrale; o, ancora,un’eccessiva comunicazione tra aree cerebrali contigue rispetto a quanto avviene in un cervello non sinestetico. Il fatto che un terzo dei soggetti sinestetici abbia un parente con le stesse capacità, porta anche a pensare che il fenomeno abbia una qualche componente genetica.

CI SI PUÒ ALLENARE ALLA SINESTESIA? Ma la sinestesia si può in qualche modo apprendere? In altre parole, volendo, potremmodiventare sinestetici? «Siamo tutti potenzialmente sinestetici: il cervello umano possiede meccanismi che permettono una fusione fra i sensi. Tali meccanismi sono nella popolazione generale latenti, così che non siamo consapevoli del loro funzionamento, mentre nel sinesteta, si suppone per fattori genetici, è come se fossero iper-attivi» spiega Nadia Bolognini, Ricercatrice di Psicobiologia e Psicologia Fisiologica presso l’Università di Milano-Bicocca, ed esperta di integrazione multisensoriale.

Sorgente: La sinestesia può essere appresa o indotta? – Focus.it

Related Post

Related posts