Oltre il pensiero positivo: per prima cosa bisogna sentirsi vivi

Oltre il pensiero positivo: per prima cosa bisogna sentirsi vivi

Non bisogna nascondere le difficoltà, ma neanche entrare in una spirale di negatività. Non si tratta di essere ottimisti o pessimisti, si tratta di essere vivi e di tentare di essere sempre più vivi

Non sto proponendo, ve lo giuro, alcuna forma di pensiero positivo. Quello che mi appassiona e che voglio proporvi lo chiamerei semmai pensiero vitale. Perché non si tratta di essere ottimisti o pessimisti, si tratta di essere vivi e di tentare di essere sempre più vivi. Se poi hai un ruolo pubblico, se parli, scrivi, diffondi idee, allora mostrare che si può essere vivi e si può tentare di essere sempre più vivi, ecco credo che questo sia un vero e proprio dovere.

Invece vedo e leggo in giro tanti – troppi – intellettuali, pensatori, scrittori, che – qualunque sia l’argomento, dalle tecnologie all’amore, dagli esseri umani al mondo in cui viviamo – comunicano disincanto, depressione, dissuasione. Comunicano intelligenza triste. Un po’ accade perché sono fatti così, perché la loro stessa esistenza non è appassionante e non ammettono altra esistenza che la loro; un po’ accade perché esiste un molto florido mercato del disincanto, del bisogno di chi vive situazioni non entusiasmanti di sentirsi dire che è così che vanno le cose. Intendiamoci, non sto minimamente dicendo – niente pensiero positivo, appunto – che si debbano nascondere le difficoltà, le disfunzioni, i problemi che ci affliggono. Ma ogni volta che mi ritrovo davanti a chi cavalca e amplifica il disincanto mi viene in mente lo speech che William Faulkner fece quando gli venne assegnato il Nobel per la letteratura.

Sorgente: Oltre il pensiero positivo: per prima cosa bisogna sentirsi vivi – Linkiesta.it

Related Post

Related posts

Leave a Comment

dodici − 7 =

*