Perché sulla banderuola del vento c’è un gallo

Perché sulla banderuola del vento c’è un gallo

Da sempre le banderuole segnavento vengono usate come semplice e pratico mezzo di rilevamento della velocità e direzione del vento e su di esse troviamo raffigurati stemmi, insegne, altri emblemi ma soprattutto il gallo.
Vi siete mai chiesti il perché del gallo?

La pratica iniziò circa 2000 anni fa, quando una banderuola a forma di Tritone, il dio del mare, venne collocata in cima alla Torre dei Venti di Atene.

Nell’XI secolo Papa Niccolò I fece nascere la tradizione di collocare sul campanile di ogni chiesa cristiana una banderuola segnavento a forma di gallo, chiaro riferimento al Vangelo di Marco in merito al tradimento del discepolo Pietro: “In verità ti dico: proprio tu, prima che il gallo canti due volte, tu mi rinnegherai tre volte”.

Ben presto le banderuole diventarono simbolo di distinzione di potere e di comando, tale per cui l’installazione veniva regolamentata da una serie di editti e solamente gli edifici più prestigiosi appartenenti ad un certo rango potevano fregiarsene.

All’epoca dei Comuni venne consentito l’uso di segnavento anche alla più ricca borghesia mercantile e presto diventarono emblema di appartenenza a uno status sociale elevato.

Solo nei Seicento i grandi proprietari terrieri di origine non nobile si ribellarono alla proibizione di installazione banderuole: esse erano infatti fondamentali per la sopravvivenza al fine di poter trarre, attraverso la direzione del vento, delle sommarie previsioni del tempo.

Oggi hanno una funzione prettamente decorativa. Ma il più antico segnavento tuttora esistente, con 1200 anni, è il Gallo di Ramperto, una banderuola in lamina di rame originariamente dorata e argentata, con gemme, posta nell’820 per volere del Vescovo Ramperto sul campanile romanico della chiesa dei Santi Faustino e Giovita a Brescia.

Sorgente: Perché sulla banderuola del vento c’è un gallo | SiViaggia

Related Post

Related posts

Leave a Comment

12 + 18 =

*