WhatsApp: guida per genitori analfabeti digitali

WhatsApp: guida per genitori analfabeti digitali

scritto da 

WhatsApp (uozzap) è un software di messaggeria istantanea. Vuol dire che se mandi un messaggio o invii un video o posti una foto viene istantaneamente pubblicato sullo smartphone del destinatario o sugli smartphone  o sugli smartphone dei destinatari visto che si possono formare gruppi. Non vuol dire che il figlio o la figlia lo leggerà immediatamente e neppure che risponderà istantaneamente. Quindi va vissuto con serenità, senza ansie e senza stressare eccessivamente la prole. Anche perché a differenza degli Sms se non c’è connessione (non c’è internet) non funziona. Il che non è una scusa a prova di bomba per l’adolescente. Nel mondo occidentale è raro non avere “campo”. Tuttavia, siamo in Italia, il digital divide esiste e quindi è una eventualità che non si può escludere soprattutto fuori dalle grande città.

11) Il dilemma della doppia spunta. Una spunta vuol dire che il messaggio è partito. La seconda, che il messaggio è arrivato ma non è stato letto. Quella blu indica che è stato letto. Per un adolescente (ma anche per un non adolescente) il sistema della doppia spunta può significare controllo. Se vedo la doppia spunta mi hai letto e quindi mi devi rispondere. Ecco, non va bene. Nel senso che va bene se il genitore sa gestire l’ansia e non diventa nevrastenico dopo dieci secondi che il figlio ha letto. Quando la spunta diventa una questione di voler bene alla mamma o al papà che si preoccupa troppo allora il consiglio è disattivare. Si fa così. Selezionare Impostazioni> Informazioni account> Privacy e poi disattivare l’opzione “notifiche di lettura”.

 

22) Non esagerare con gli emoticons. Limitarsi a sorriso, approvazione o dissenso. Quando il genitore prova a comunicare con casette, fulmini e faccine infelici nell’adolescente possono scattare sentimenti contrastanti. Nessuno ama gli emoticons quando sono utilizzati per richieste (torna a casa) o incipit di litigate (non approvo quello che hai detto o che hai fatto). Sono commenti a cose che si dicono o espressioni di stato d’animo legati magari a una foto inviata o a una canzone ascoltata. Tutto qui.

Continua su: WhatsApp: guida per genitori analfabeti digitali – ilSole24ORE

Related Post

Related posts

Leave a Comment

diciotto − uno =

*