Distillati per tutti (i romanzi, non gli alcolici!)

Cosa sono i romanzi distillati?  Una nuova collana di “condensati” proposta da Centauria, casa editrice del gruppo RCS.

Distillati

L’obiettivo della collana, che è distribuita solo in edicola, è quello di conquistare la parte di pubblico che ancora non legge libri regolarmente perché, forse, spaventata dall’impegno che richiede la lettura dei libri più lunghi.

Il sito dell’editore recita : “Nascono i Distillati: un’occasione senza precedenti per goderti il meglio della narrativa italiana e internazionale in meno della metà delle pagine dell’originale, ma senza perderti nulla. Distillati infatti, non riassunti!”

Superato il primo attimo di stupore, come dovrebbe reagire un qualsiasi lettore che si trovasse davanti a una proposta del genere?
Ci resta decisamente di sasso, un po’ come se alla fine del primo tempo di un avvincente film giallo gli dicessero: “l’assassino è il maggiordomo. Te lo diciamo subito così ci metti la metà del tempo e puoi tornare di corsa a casa a vedere la finale del Grande Fratello, tanto alla fine ti diverti lo stesso”
La lettura per un appassionato è come un viaggio, e se come tanti sostengono, il piacere di un viaggio non è la meta ma il viaggio stesso è evidente che con il romanzo distillato, un vero e proprio bigino della letteratura, si perde il gusto del viaggio, della scoperta dei personaggi, della costruzione della trama.
Il bigino, chi non ricorda i Bignami?, poteva andare bene per un ripasso veloce a scuola prima di un’interrogazione ma in un contesto come questo che senso può mai avere?

bignami-pormessi-sposi-anni-70

Qualche lettore pensa forse di ripassare i capolavori immortali di Fabio Volo o di Melissa P. per fare bella figura con gli amici?
Boh…
Archiviato il primo attimo di sbandamento viene da chiedersi: ma se è possibile eliminare più della metà delle pagine da un romanzo senza “perdersi nulla” significa che le parti eliminate erano del tutto superflue. A questo punto cosa potremmo dire di un romanzo che è per più della metà composto da parole totalmente inutili? Vale davvero la pena di leggerlo, per intero o distillato?
Altro boh…
Qualcosa in questa operazione commerciale non quadra: o gli autori selezionati per la distillazione sono tutti degli inguaribili grafomani, così innamorati della loro prosa da sbrodolare parole come se piovesse, oppure questa collana è pensata per gli integralisti della pigrizia, per gli utilizzatori incalliti del tasto “avanti veloce”.

pigrizia-homer-simpson-3

Non a tutti deve piacere per forza la quantità, ma se un’opera è nata con un determinato numero di pagine un motivo ci dovrà pur essere e uno dei piaceri del lettore dovrebbe essere proprio scoprirlo. Se non si ha la costanza di leggere, e apprezzare, per intero un romanzo voluminoso come per esempio “IT”   non sarebbe forse più sensato scegliere romanzi che siano più brevi fin dall’origine?
La lettura dovrebbe essere un piacere non un obbligo e, in fondo, a un ipotetico lettore frettoloso non lo avrà di certo ordinato il medico di leggersi un mattone di 600 e passa pagine…
E se invece che su questo scempio le case editrici puntassero su romanzi già naturalmente più fruibili? Sarebbe bello, ma per fare una cosa del genere servono impegno, passione, dedizione e competenza, mentre distillare un libro di successo implica molto meno lavoro e dà molte più probabilità di successo (quantomeno economico).
Per concludere, e per dare un contributo concreto a questa splendida iniziativa, vi proponiamo una nostra lista dei (mezzi) titoli che vorremmo vedere presto entrare a far parte della collana. A voi giudicare:

  • 25 sfumature di grigio – E.L. James
  • 50 colpi di spazzola prima di andare a dormire – Melissa P.
  • 992 – George Orwell
  • Cinquant’anni di solitudine – G.G. Marquez
  • Cinque piccoli indiani – Agatha Christie
  • Fahrenheit 225,5 – Ray Bradbury
  • Cinquecento e mezza notte
  • Il giro del mondo in quaranta giorni – Jules Verne
  • Ti con zero – Italo Calvino (Acc.. questo resta uguale, maledetto zero!)

Related Post

Related posts

Leave a Comment

5 × 2 =

*